Search
Close this search box.

L’Egitto non è un paese di origine o di transito sicuro per il rimpatrio di egiziani/e e migranti. Perché respingiamo la decisione del governo italiano di considerare l’Egitto un paese sicuro?

This post is also available in: English

Il 5 giugno scorso, la ‘Piattaforma dei Rifugiati in Egitto’, insieme a 40 organizzazioni della società civile, ha espresso in una dichiarazione congiunta la sua profonda preoccupazione per la decisione dell’Italia di classificare la Repubblica Araba d’Egitto come ‘paese di origine sicuro’ ai sensi del decreto legislativo n. 25/2008, comma 2-bis. Le organizzazioni hanno esortato il governo italiano a divulgare pubblicamente i criteri utilizzati nella revisione dello status dell’Egitto e a riconsiderare la decisione. Questo avviene nel contesto di una vasta attività del governo italiano per rafforzare le relazioni tra l’Egitto e l’Unione Europea attraverso numerosi accordi, tra cui: (Accordo Mattei, Formazione ATEPA e altri accordi direttamente legati alla questione della migrazione o dello sviluppo).”

 

Il 7 maggio 2024, i ministeri degli Esteri, dell’Interno e della Giustizia in Italia hanno emesso un decreto per aggiornare ed espandere l’elenco dei paesi sicuri per i richiedenti di protezione internazionale, aumentando l’elenco da 16 a 22 paesi, includendo Bangladesh, Camerun, Colombia, Egitto, Perù e Sri Lanka, imponendo una serie di ostacoli problematici per i richiedenti d’asilo provenienti dai paesi inclusi, come strumento per limitare le garanzie legali e l’accesso al diritto di protezione internazionale e asilo.

 

Ai sensi del decreto legislativo n. 25/2008 (D.Lgs. 25/2008), ‘un paese non appartenente all’Unione Europea può essere considerato un paese di origine sicuro sulla base di prove comprovate relative al suo sistema giuridico, all’applicazione della legge in un sistema democratico, alla situazione politica generale e all’assenza di atti di persecuzione, conformemente all’articolo 7 del decreto legislativo 251/2007, oltre all’assenza di torture o altre forme di trattamento inumano o degradante, o di pericoli dovuti a violenza indiscriminata in situazioni di conflitto armato interno o internazionale’.

 

“Considerando l’Egitto, il suo sistema legale e legislativo ha subito gravi squilibri da quando l’attuale presidente ha preso il controllo del paese. La prova più evidente di ciò è l’approvazione da parte del parlamento egiziano di centinaia di leggi in sole due settimane all’inizio del 2016, leggi che erano state emanate tramite decreti presidenziali dopo il luglio 2013 in assenza del parlamento. Tra queste leggi la legge sul terrorismo e la legge sulle manifestazioni, che sono state strumenti di ampia repressione di qualsiasi opposizione politica in Egitto. Questa è stata la prima azione del parlamento dopo lo scioglimento del suo predecessore, il che indica la profondità della crisi del sistema legislativo egiziano e la sua subordinazione al potere politico.

 

D’altra parte, la situazione generale in Egitto non può essere descritta come democratica o anche solo quasi democratica. La stampa in Egitto – sia essa visiva, scritta, audio o elettronica – è sotto il controllo delle istituzioni di sicurezza o militari, e in rari casi, sotto il controllo di uomini d’affari sostenitori del regime politico. Le organizzazioni per i diritti umani in Egitto sono soggette a repressione, come nel caso della ‘Coordinazione Egiziana per i Diritti e le Libertà’, i cui membri sono stati condannati a dieci anni di carcere con pene severe, oltre alla nuova prosecuzione della avvocatessa Hoda Abdel Moneim in un nuovo caso dopo la scadenza della sua detenzione nel caso della ‘Coordinazione’.

 

Inoltre, i leader dei partiti di opposizione come Abdel Moneim Aboul Fotouh, o i suoi rivali nelle elezioni presidenziali come Ahmed Tantawi, sono incarcerati, e circa 1200 detenuti sono morti nelle carceri egiziane dal 2013, sia a causa di torture che di negligenza medica intenzionale, secondo l’Organizzazione Araba per i Diritti Umani in Gran Bretagna.”

 

“È ancora più sorprendente che l’Italia abbia assistito a uno dei crimini più atroci contro l’umanità nei confronti del giovane italiano Giulio Regeni nel gennaio 2016. Le autorità egiziane hanno annunciato a marzo dello stesso anno l’uccisione di cinque egiziani accusati dell’omicidio di Regeni, per poi scoprire successivamente che gli accusati erano tutti ufficiali della polizia egiziana. Il vice procuratore italiano Sergio Colaiocco ha annunciato alla fine di maggio scorso di avere una registrazione audio che smentisce la versione ufficiale egiziana e conferma il coinvolgimento dei quattro ufficiali egiziani accusati nel caso. L’Italia ha dunque un’esperienza amara e chiara con le bugie e le falsificazioni delle autorità egiziane, e il coinvolgimento nella tortura fino alla morte di uno dei suoi cittadini, senza alcuna procedura di responsabilità e rendicontazione. Le autorità egiziane hanno infatti dichiarato chiuse le indagini da parte loro e hanno rifiutato di fornire alle autorità italiane qualsiasi informazione sugli accusati, e inevitabilmente il trattamento riservato agli egiziani sarà più duro e brutale.

 

Per quanto riguarda i rifugiati residenti o in transito dall’Egitto, la ‘Piattaforma dei Rifugiati in Egitto’ ha presentato numerosi rapporti e documentazioni che dimostrano che l’Egitto non è un paese di transito sicuro, né tantomeno un paese di origine sicuro. In un’indagine congiunta della piattaforma con ‘The New Humanitarian’, sono stati rivelati centri di detenzione segreti, condizioni di detenzione pessime, inseguimenti accompagnati da sparatorie e arresti di massa di cui le autorità egiziane non forniscono alcuna informazione, beneficiando della segretezza dei centri di detenzione, la maggior parte dei quali sono sotto il controllo delle forze armate egiziane.

 

Inoltre, dalla fine di agosto 2023, la piattaforma e altre organizzazioni per i diritti umani hanno ricevuto centinaia di segnalazioni di arresti sistematici di rifugiati e migranti, detenzioni arbitrarie e campagne di rimpatrio forzato condotte dalle autorità egiziane contro i sudanesi. Le autorità egiziane eseguono questi arresti in tutto il paese, in città come Il Cairo, Giza, Assuan, il Mar Rosso, Matruh e Alessandria, e lungo il confine meridionale dell’Egitto.

 

Inoltre, i rifugiati subiscono campagne di odio crescenti, che hanno spinto un giornalista egiziano (non dell’opposizione) a mettere in guardia contro l’escalation di queste campagne contro i rifugiati, che potrebbero portare a una mancanza di pace. Queste campagne potrebbero essere accompagnate da atti ostili contro i rifugiati da parte delle forze di sicurezza.”

 

“Diverse questioni indicano la pericolosità del rimpatrio (forzato o volontario) o delle operazioni di respingimento attraverso i confini verso l’Egitto, dove le persone rimpatriate sono solitamente soggette a crimini come la tortura, la sparizione forzata e i processi iniqui, anche se non hanno attività politica. Il caso del giovane egiziano Mohamed Shaalan evidenzia questa pericolosità – secondo la documentazione dell’Iniziativa Egiziana per i Diritti della Persona – poiché è andato in Italia da bambino nel 2014 e, una volta ottenuti i documenti e stabilita la sua situazione, ha deciso di tornare in Egitto per visitare la sua famiglia. Le autorità egiziane lo hanno arrestato al suo arrivo all’aeroporto del Cairo il 20 gennaio 2021, detenendolo illegalmente per 11 giorni prima di farlo sparire in una delle sedi della Sicurezza Nazionale egiziana. Successivamente è comparso davanti alla procura, accusato di terrorismo per eventi avvenuti mentre si trovava in Italia.

 

Il caso di Mohamed Shaalan non è diverso da quello dei pescatori egiziani di ritorno dal lavoro all’estero. La Piattaforma dei Rifugiati in Egitto ha documentato che, da oltre due anni, le autorità egiziane conducono campagne di arresti senza base legale o prove contro i pescatori egiziani di ritorno dalla Libia, accusandoli senza prove. Nonostante abbiano superato i termini di detenzione preventiva previsti dalla legge, molti sono ancora detenuti con accuse di contrabbando o coinvolgimento nel contrabbando, come nel caso dei quaranta pescatori detenuti da oltre due anni senza processo, uno dei quali è morto per negligenza medica mentre era in detenzione.

 

Inoltre, il rimpatrio delle barche di migranti dal mare verso l’Egitto, considerato un porto sicuro, non rispecchia la realtà. I rimpatriati in Egitto sono soggetti a trattamenti duri da parte degli ufficiali dell’esercito responsabili delle forze di guardia di frontiera e alla sparizione forzata. Nel settembre 2022, circa 33 migranti sono stati vittime di sparizione forzata dopo essere stati rimpatriati dal Mar Mediterraneo da una nave commerciale che li aveva soccorsi. Arrivati al porto di Port Said, nonostante gli appelli delle ong dei diritti umani, le autorità egiziane non hanno rivelato il loro destino dopo essere stati trasferiti dal porto a una base militare.”

 

“Non è la prima volta che si verificano sparizioni forzate di migranti. Il 6 settembre 2014, secondo la documentazione delle organizzazioni per i diritti umani e dei gruppi comunitari, le autorità egiziane hanno fatto sparire tutti i passeggeri di una barca di migranti irregolari dopo averli fermati. Il numero di persone documentate come vittime di queste violazioni è di 400 migranti di diverse nazionalità, tra cui egiziani, sudanesi e palestinesi, il cui destino è ancora sconosciuto. Queste violazioni continuano ancora oggi. Il 24 marzo 2024, l’organizzazione “Alarmphone” ha annunciato di aver ricevuto una segnalazione riguardante una barca di migranti che è stata rimpatriata in Egitto dopo essere stata soccorsa da una nave commerciale. La “Piattaforma dei Rifugiati” ha ricevuto segnalazioni da parte delle famiglie riguardo alla scomparsa dei loro cari dopo il rimpatrio.

 

Questi esempi, insieme ad altri, mostrano chiaramente, in base a trattati e convenzioni internazionali, che l’Egitto non è un paese sicuro né per il transito né per il ritorno, sia a causa del suo pessimo record sui diritti umani a livello politico interno, sia per il modo in cui tratta i migranti irregolari che viene  arrestato o rimpatriato ‘volontariamente o tramite deportazione’.

 

L’Italia e i paesi dell’Unione Europea che stringono partenariati con l’Egitto in materia di lotta alla migrazione irregolare sono ben consapevoli delle riserve dei difensori dei diritti dei migranti e dei diritti umani in generale. Continuare con questa politica complice con regimi che non rispettano i diritti umani potrebbe rendere l’Italia un complice principale delle violazioni dei diritti umani che avvengono in Egitto e in altri paesi del Nord Africa, e potrebbe renderla parte delle violazioni del diritto internazionale chiudendo un occhio su queste pratiche e continuando a fornire copertura politica e legale a regimi repressivi.”

 

Uno dei problemi più significativi derivanti dalla decisione italiana di classificare l’Egitto come paese sicuro è che i richiedenti asilo saranno sotto pressione per avere le loro decisioni esaminate urgentemente entro un periodo non superiore a nove giorni. Questo farà sì che coloro le cui decisioni sono classificate come “manifestamente infondate” perdano il diritto di rimanere in Italia durante il ricorso, portando alla deportazione definitiva del richiedente asilo. Anche se il ricorso viene accettato dopo che il richiedente asilo è stato deportato, la decisione sarà inutile poiché si troveranno nel loro paese dove non possono partire, o in un paese terzo dove non possono presentare la loro difesa direttamente. Inoltre, il rifiuto delle autorità egiziane di fornire documenti ufficiali a sostegno dei casi dei richiedenti asilo rende il destino di coloro classificati come “manifestamente infondati” definitivo, senza dare agli individui l’opportunità di presentare le loro giustificazioni e motivazioni da soli.

 

Le ondate di asilo di cui l’Europa, e in particolare l’Italia, si lamentano non finiranno con decisioni simili. Finché povertà, oppressione e squilibrio nella distribuzione della ricchezza persisteranno nelle società sotto regimi autoritari o oligarchici, i processi di asilo continueranno. Fermare queste ondate dipende dal miglioramento dei diritti umani e dalla rotazione del potere, cosa che l’Europa contraddice con il suo continuo sostegno al regime di Al-Sisi e ai regimi autoritari in generale.

 

  • Riconsiderare la decisione di classificare l’Egitto come paese di origine sicuro, insieme ad altri paesi con scarsi record sui diritti umani.
  • Rivedere gli accordi di partenariato con i paesi del Nord Mediterraneo, in particolare gli accordi per la formazione e l’armamento delle guardie di frontiera e delle forze di sicurezza egiziane, ed esaminare la conformità delle pratiche agli standard dei diritti umani nelle operazioni di respingimento, risposta e gestione dei movimenti migratori irregolari.
  • Collegare gli aiuti e la formazione al rispetto, da parte delle autorità egiziane, del punto precedente e al loro consentire alle organizzazioni internazionali e locali di accedere ai detenuti in relazione ai tentativi di migrazione o asilo.

 

Most Read

latest releases

Facebook

Twitter

Subscribe to our newsletter

Dear users of the Refugee platform in Egypt, we are pleased to keep you informed of all important updates related to daily news, services, procedures, issues and reports. So that you can interact with them through your platforms on social media. If you wish to subscribe to our newsletter and see all that is new, register now.